Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Torino vince ancora in rimonta, vittima designata una buona Cremona

Torino vince ancora in rimonta, vittima designata una buona Cremona

Partita intensa e bellissima, con Cremona che tiene il vantaggio per più di metà gara salvo poi subire il ritorno di una Torino mai doma e soprattutto con un vero spirito di squadra. La Fiat prende il comando delle ostilità nella seconda metà del terzo quarto con un parziale di 32-17, che manda in tilt una buonissima Cremona fino a quel momento. Vujacic disputa un ultimo quarto da leggenda segnando le triple decisive che annientano le velleità dei ragazzi di coach Sacchetti.

Nel pomeriggio al PalaRuffini si incontrano due squadre che stanno attraversando un buon momento di forma, la Vanoli, dopo una partenza lenta, ha iniziato ad assimilare i dettami tattici di Meo Sacchetti ed inizia a segnare importanti punti in classifica. Torino in campionato è un rullo compressore, mentre in coppa soffre maggiormente, Banchi cercherà da questa partita risposte importanti dai suoi, soprattutto per l’atteggiamento mentale e per dimostrare di essere finalmente nell’élite del campionato italiano.

Quintetti:

Torino: Mbakwe, Vujacic, Garrett, Patterson, Mazzola

Cremona: T.Diener , Johnson-Odom , Martin , Milbourne, Sims

Torino-Cremona Patterson a canestro

La Gara

Parte fortissimo Cremona, coach Sacchetti aveva preparato benissimo la sfida e si vede, il ritmo è altissimo e la Vanoli, sfruttando ottime ripartenze in transizione, trova sempre pronto un eccellente Martin che traduce a canestro ogni invito dei suoi compagni. Torino fatica a stare a ruota e si lascia staccare anche se di poco 15-19 alla fine del 1° quarto.

Il 2° quarto non muta le gerarchie in campo, Cremona continua sempre forte macinando un gioco fluido e redditizio. L’ingresso di Poeta al posto di un appannato Garrett, porta i torinesi ad avere una reazione positiva, complice anche un buon Washington riesce a pareggiare i conti sul 30-30 al 17’. Nota negativa il terzo fallo di un evanescente Patterson. Johnson–Odom castiga i padroni di casa con una entrata spettacolare in acrobazia e porta i suoi a riposo con il vantaggio meritato di 34-39. Merito di un eccelso Martin che finora piazza 14 punti e 7 rimbalzi, ma quello che le statistiche non riportano è la grinta e l’intensità di gioco dei due registi T. Diener e Johnson-Odom.

Al ritorno in campo dopo l’intervallo lungo, Martin continua la sua striscia da mattatore, ma è Vujacic ad infiammare il palazzo con una tripla da campione e a spronare i ragazzi di casa in maglia gialla portandoli all’aggancio sul 46-46 al 25’. Mbakwe ora domina sotto le plance sia in attacco che in difesa. Washington regala sprazzi di pura intensità tradotta in soldoni nella retina. Torino entra completamente in partita e piazza l’allungo decisivo. A fine 3° quarto il punteggio dice 66-56 per la Fiat. La partita è bellissima e le squadre si affrontano a viso aperto, anche se gli arbitri fischiano un paio di antisportivi ed un tecnico, la gara continua ad essere corretta ma molto intensa.

Nell’ultimo quarto sale in cattedra Garrett, latente finora, con entrate da maestro ed assist (10 per lui) per i compagni. Importante l’apporto della panchina di Torino con Mazzola sempre ben presente sotto canestro ( 9pt e 7rimb) e Okeke (7rimb). Cremona sembra stanca, corre meno e mette sul ferro diverse conclusioni da fuori. Apoteosi per Torino e per tutti i suoi encomiabili tifosi, quando Vujacic brucia la retina un paio di volte dall’arco e Mbakwe ripulisce i tabelloni. Punteggio finale 88-80 con Cremona che comunque esce a testa alta dal PalaRuffini.

Magic Moment

A 3’30’’ dal termine all’uscita da un time-out di coach Banchi, il cecchino Vujacic, nonché pupillo del pubblico di Torino, piazza una tripla spezza gambe per gli avversari, continua la messa in scena dopo un recupero prodigioso di Washington che sdraiato sul parquet gli serve un assist per un’altra bomba che fa deflagrare il palazzo dalla gioia.

Man of the match

Vujacic, anche se non con le migliori statistiche di serata, è il mattatore dell’incontro per la presenza al momento cruciale piazzando triple importantissime e per la carica che trasmette ai suoi nei momenti decisivi. Sembra che aspetti il momento giusto per scrivere il finale dei suoi romanzi. 17 punti con 0/6 da 2 ma con 5/10 da 3.

Numbers

42 rimbalzi per Torino contro 28 di Cremona, all’intervallo erano 18-17.

21 punti per Mbakwe con 10/14 da 2 (1° in assoluto in campionato per percentuale al tiro da 2 con il 73%). 20 punti per Martin, 19 per Johnson-Odom, 18 per Milbourne

9 rimbalzi per Mbakwe e anche per Martin. Con 7 ci sono Okeke e Mazzola

10 assist per Garrett e 6 per Travis Diener

58% da 2 per la Vanoli

 

Fiat Torino – Vanoli Cremona 88-80 (15-19, 19-20, 32-17, 22-24)

Torino
Garrett 13, Vujacic 17, Poeta 3, Patterson 6, Washington 15, Okeke 4, Jones, Mazzola 9, Mbakwe 21, Iannuzzi; all. Banchi
Cremona
Johnson-Odom 19, Martin 22, Gazzotti 2, Diener T. 5, Ricci 4, Ruzzier 3, Sims 7, Diener D., Milbourne 18; all. Sacchetti

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
468 ad

Lascia un tuo commento

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.