Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Torino si sveglia nel secondo tempo e di rincorsa batte Pistoia.

Follow and like us:

La Fiat Torino si impone sulla Oriora Pistoia con il punteggio finale di 86-80, vittoria costruita in rincorsa per tutto il secondo tempo, mentre nella prima metà gara non è mai riuscita a tenere il passo degli avversari. Salva la panchina di coach Brown, almeno fino al prossimo turno di nuovo tra le mura di casa contro Avellino, dove il guru statunitense dovrà ancora una volta conquistare i due punti per poter definitivamente allontanare le insistenti voci su un suo esonero. Una vittoria fatta di tenacia e cuore, molto sofferta, con Pistoia che ha dominato sottocanestro vincendo nettamente la sfida a rimbalzo e mantenendosi per quasi 35 minuti sempre in vantaggio. Si iniziavano a sentire i primi fischi dalle tribune del PalaVela per la pessima prestazione che la Fiat stava mettendo in scena, per poi sfociare nel finale in applausi più di sfogo che per appagamento. Importante vittoria per la classifica che rilancia Torino nella lotta verso la conquista delle final eight di Coppa Italia, ma non nasconde le molte difficoltà ancora evidenti nel sistema di gioco degli uomini di Brown.

Quintetti:

TORINO: Wilson, Delfino, Hobson, Moore, Cusin

PISTOIA: K.Johnson, D.Johnson, Krubally, Auda, Peak

La Gara

Inizio di partita con un netto dominio degli uomini di coach Ramagli che vanno in vantaggio abbastanza agevolmente sul 21-7 con un grande Krubally sotto le plance, dove sia Cusin che McAdoo non sono riusciti a limitarlo. Il 1° quarto termina 13-21 con un piccolo recupero nel finale da parte dei torinesi dopo l’inserimento di Jaiteh, molto più efficace di un fischiatissimo e inconcludente McAdoo. Nelle fila di Pistoia oltre a Krubally sono determinanti, sia Auda con buone soluzioni in area, sia Peak dalla lunga distanza. Proprio loro portano gli ospiti al massimo vantaggio sulla sirena finale prima dell’intervallo lungo sul 36-50. Torino sembra in balia dell’avversario, la difesa non regge e l’attacco si affida solo alle soluzioni balistiche di un ispirato Dallas Moore.

Nella seconda parte del match, La Fiat Torino è più viva e riaccende la partita sull’asse Moore-Jaiteh, ma soprattutto con un Carr immarcabile sul tiro da fuori ed in penetrazione conquistandosi diversi falli. Krubally e Auda fanno sempre la voce grossa sotto le plance, ma le guardie subiscono maggiormente la difesa più aggressiva di Torino, abbassando le percentuali al tiro. 62-67 è il finale del 3° quarto.

Ora abbiamo una partita, anche il pubblico entra finalmente in campo trascinando i padroni di casa alla insperata rimonta. Il pareggio è firmato dall’onnipresente Moore sul 69-69 a 8’ dal termine. Ottime anche le assistenze e il gioco di sostanza di Hobson, definitivamente entrato nel gioco della squadra. Sale il ritmo della partita, Pistoia sente la fatica non avendo a disposizione una panchina lunga, e risponde con le bombe di un redivivo Dominique Johnson alle scorribande di Dallas Moore MVP di stasera con 26 punti. Palpitante finale con gli ultimi 2 minuti affrontati sul 78-78, Hobson subisce sfondamento con una giocata difensiva fenomenale e Moore segna il canestro della vittoria. Gli ospiti non vanno oltre il ferro sulle triple finali, mentre Delfino suggella  il trionfo con un buzzer beater per l’86-80 definitivo.

Man of the match

Dallas Moore onnipresente in tutte le azioni di Torino, una spina nel fianco di Pistoia e l’unico ad averci creduto anche nel primo tempo quando le cose non andavano benissimo. Termina con 26 punti, 6/6 da 2  e 3/6 da 3, 4 assist e 32 di valutazione.

Magic Moment

A 2’ dal termine una azione difensiva da vero campione di Hobson che subisce sfondamento sulla penetrazione di K.Johnson, dà il via libera allo sprint finale di Torino, riconquistando un importantissimo pallone che Moore, nell’azione successiva traduce a canestro.

Numbers

Rimbalzi domina Pistoia 42-29, Krubally 13, Auda 9, Hobson 6.

Nel tiro da 2 Torino ha il 62% contro il 51% di Pistoia. Jaiteh 7/7 e Moore 6/6

Nel tiro da 3 le squadre si sono equivalse con il 35%, il migliore è Peak con 4/7.

Assist 23-22 per Pistoia con Hobson 8, K.Johnson 7.

Fiat Torino – Oriora Pistoia 86-80 (13-21, 23-29, 26-17, 24-13)

Torino

Moore 26, Wilson 9, Hobson 4, Delfino 11, Cusin, Jaiteh 14, McAdoo 6, Carr 16; all. Brown

Pistoia

K.Johnson 9, Auda 14, Peak 16, Krubally 10, D.Johnson 15, Gladness 10, Martini 6, Severini, Della Rosa, Bolpin; all. Ramagli

468 ad

Lascia un tuo commento

Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.