Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Per quella piccola differenza…

Per quella piccola differenza…
Follow and like us:

… Hip hip hurrá! O in periodo anteguerra eja eja ecc. Ma si parlava allora della differenza tra i sessi. Io mi riferisco alla differenza che continua ad esserci tra i prodotti della Rai e degli altri. Al di là delle differenze di budget dove nel caso di grandi produzioni si esagera in un senso ( tipo S.Remo per l’azienda di stato o X-Factor per Sky) e nelle altre alè tutti al risparmio, la vera differenza è nel metodo di lavoro. A parità di numero di telecamere, con lo stesso service, il prodotto è differente. E non è neanche il discorso della regia, perché adesso la Rai ha un paio di colleghi che conoscono il basket e sono in grado di far vedere quello che serve. Non parliamo del contenuto, che vede tifosi dell’una e dell’altra scuola. La differenza, la “piccola” differenza è la comunicazione.

Nelle partite prodotte da Sky ci sono sempre due figure che in casa Rai non usano: coordinamento giornalistico e quello produttivo. La prima persona fa in modo che i contenuti audio vadano di pari passo con quelli video, che non sia una gara reciproca ad inseguimento. La seconda fa da interfaccia su tutti e tre i livelli: campo, camion regia ed emissione del segnale. Questo consente al regista di pensare solo a quello che capita in campo, di comunicare con i cameraman, l’audio e chi opera sui replay, senza doversi preoccupare di comunicare con la rete, i giornalisti e preoccuparsi dei possibili malfunzionamenti che possono capitare.

Riallacciandomi ad Avellino vs Pistoia della settimana scorsa dove salta il collegamento satellitare, poi le luci del palazzo e nel frattempo i commentatori sentivano a fatica la loro voce, se non ci fossero state queste figure ad aiutare, la partita l’avreste vista forse in differita o sentita per radio. È la differenza che c’è nel giocare di squadra o affidarsi a dei solisti: magari si vince lo stesso, ma più probabilmente no. Quando anche in casa di chi ci fa pagare il canone nel bollettino della luce, entreranno nell’ordine di idee di lavorare insieme, allora la forbice sarà quasi completamente chiusa. Solo allora.

468 ad

Lascia un tuo commento

Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.