Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Con un Fontecchio in più Cremona affonda Avellino

Con un Fontecchio in più Cremona affonda Avellino
Follow and like us:

Torna alla vittoria la Vanoli Cremona, battendo nettamente la Sidigas Avellino 86-73. Il “lunch match” arride a Cremona, che surclassa per intensità i più quotati avversari irpini. Grande l’energia messa sui due lati del campo dagli uomini di Sacchetti, capaci di catturare 41 rimbalzi, di cui 6 presi da un Travis Diener positivo in playmaking (5 assist). La panchina della Vanoli è risultata determinante, con l’apporto di ben 49 punti (nonostante Gazzotti e Portannese non siano stati impiegati). Fondamentali i 15 punti messi a referto da Simone Fontecchio, che ha dimostrato di aver mantenuto inalterato il feeling col canestro, nonostante lo scarso impiego nelle fila dell’Olimpia Milano.

I quintetti – Sacripanti recupera in extremis Leunen, D’Ercole e Fesenko (poi estremamente limitato dalle condizioni del ginocchio) e ritrova Rich (tornato dagli USA dopo il funerale del padre); fuori Wells. Sacchetti spariglia le carte dello starting: fuori Travis Diener e Johnson-Odom, dentro Ruzzier e Drake Diener. L’avvio è equilibrato: si gioca punto a punto, ma l’asse Fitipaldo-Fesenko fa la differenza, grazie alle triple del sudamericano. Fontecchio e Ricci (due bombe) rimettono in pista i biancoblu, sino alla sirena, quando Johnson-Odom mette a segno il 21-19.

Secondo quarto – La Vanoli colpisce a ripetizione dai 6,75 e prende fiducia, anche agevolata dall’uscita dai giochi di un dolorante Fesenko. Fontecchio segna a ripetizione, mentre Martin si conferma giocatore totale, tanto in difesa, quanto in attacco. Cremona va alla pausa lunga avanti 48-40.

Terzo quarto – La Vanoli è in controllo, poi sale in cattedra un ritrovato Johnson-Odom, che castiga dalla distanza. Poco riesce ad opporre la Scandone: con un parziale di 22-11 i biancoblu prendono il largo. Sulla sirena, il tabellone dice +19 (70-51).

Quarto quarto – Riparte di slancio la Sidigas che, con un mini-break di 5-0, costringe Sacchetti al timeout. Cremona colpisce ancora da 3; Avellino tenta un altro strappo con Leunen e Rich, obbligando Sacchetti a un’altra pausa tecnica, sull’80-67. Ormai, però, è garbage time: finisce 86-73 per la Vanoli, che scatena il tripudio nei 3.000 del PalaRadi.

Magic moment – Il terzo quarto, nel quale la Vanoli arriva al +20, grazie a tanta energia e a una buona percentuale dall’arco (4/9).

Man of the match – Simone Fontecchio, autore di 15 punti, con un pregevole 5/10 dal campo, freddo dalla lunetta (2/2).

Numbers – La Vanoli domina a rimbalzo (41-32), anche in attacco (14). Supremazia lombarda anche dai 6,75: 13/31 contro 9/31. Top scorer Johnson-Odom, con 20 punti (23 di valutazione).

Vanoli Basket Cremona – Sidigas Scandone Avellino 86-73 (21-19; 27-21; 22-11; 16-22)

Cremona: Fontecchio 15, Ruzzier, Johnson-Odom 20, Martin 12, Sims 10, Portannese ne, Ricci 11, T. Diener 3, Gazzotti ne, Milbourne 9, D. Diener 6. Allenatore Sacchetti

Avellino: Scrubb 13, Leunen 12, Rich 14, Zerini 8, Fitipaldo 8, Ortner, D’Ercole, Mavric ne, Filloy 6, Ndiaye 7, Fesenko 5, Parlato ne. Allenatore Sacripanti

 

468 ad

Lascia un tuo commento

Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.