Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

La Vanoli vince d’autorità su una Reggiana con poca energia

La Vanoli vince d’autorità su una Reggiana con poca energia
Follow and like us:

Derby padano al PalaRadi, tra due formazioni in cerca di riscatto, sia pur da posizioni di classifica differenti. La Vanoli è priva della sua punta di diamante Crawford, la Grissin Bon è senza Llompart e De Vico. Suggestivo il colpo d’occhio offerto dalla tifoseria locale, che alla presentazione dei biancoblu ha illuminato il palazzo con i flash degli smartphone.

I quintetti – Cremona si schiera con Diener, Saunders, Stojanovic, Aldridge e Mathiang. Reggio risponde con Candi, Allen, Rivers, Aguilar e Cervi. Non parte male la Vanoli, ma si lascia colpire a ripetizione dal suo lato debole, da Rivers e Allen. La banda di Sacchetti non demorde, ricucendo lo strappo con Mathiang, autore di 8 punti in secondo tentativo (17-17) dopo 7′. Sul susseguente canestro di Ricci, Cagnardi chiama timeout. La risposta viene dalle mani dell’ex Gaspardo (5 punti in un amen). Tanti i possessi, tanti i canestri. Il parziale finisce 28-26. La Vanoli domina a rimbalzo (13 a7).

2° quarto – Si parte con un 4-0 emiliano e Ortner in lunetta: Sacchetti richiama i suoi in panchina. Si gioca punto a punto, sino a che Diener e Saunders decidono che attaccare il ferro è la strada per uscire dall’impasse: il risultato è un +9, che solo nel finale viene limato da Reggio. Ruzzier segna punti preziosi, che valgono il 49-42.

3° quarto – Cervi sale in cattedra e la Reggiana recupera 3 punti. La Vanoli si ridesta e, sulla bomba di Ricci, tocca il +10 (63-53), su cui Gagnardi vuol parlare coi suoi. I biancoblu allungano ancora, trascinati da un Diener in palla. Cremona può contare su un Mathiang finalmente bidimensionale, che le consente di portarsi all’ultimo quarto avanti 71-59.

4° quarto – Mussini ne fa 4, Ricci anche. Reggio prova ad accorciare con Gaspardo, ma Demps segna il +16 (81-65). La Vanoli difende decisamente meglio e i risultati sono lì da vedere: il gap aumenta, a 5′ dalla sirena è +21 Cremona (89-68). Ormai si gioca al tirasegno: finisce 98-81.

Magic moment – In realtà, la partita è stata solo virtualmente in equilibrio durante il primo tempo. Quando è emersa la differenza di potenziale in energia difensiva, il match si è incanalato con decisione a favore di Cremona.

Man of the match – Mathiang, che ha conteso a Saunders il posto di MVP: 18 punti, 18 rimbalzi, 34 di valutazione. Saunders ha infilato la sua seconda doppia doppia: 15 punti e 15 rimbalzi, 32 di valutazione.

Numbers – La Vanoli domina a rimbalzo, 45 a 29. Determinante il 26/42 (62%) da 2 di Cremona. 46 i punti realizzati in area da biancoblu (contro i 22 di Reggio).

Vanoli Cremona – Grissin Bon Reggio Emilia 98-81 (28-24, 21-18, 22-17, 27-22)

Cremona: Saunders 15, Baggi ne, Gazzotti 2, Diener 9, Ricci 15, Demps 15, Ruzzier 15, Mathiang 18, Aldridge 9, Stojanovic. Allenatore Sacchetti

Reggio Emilia: Mussini 7, Allen 11, Diouf ne, Candi 13, Rivers 18, Aguilar, Gaspardo 11, Vigori ne, Cervi 11, Soviero ne, Ortner 10. Allenatore Cagnardi

468 ad

Lascia un tuo commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Twitter20
Visit Us
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.