Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Cremona schianta Venezia nell’ultimo quarto e blinda il 2° posto

Cremona schianta Venezia nell’ultimo quarto e blinda il 2° posto
Follow and like us:

Un ultimo parziale da 20-7 consegna la vittoria alla Vanoli Cremona per 80-65. L’Umana Venezia è costretta a cedere il secondo posto in classifica. Il big match della 29a giornata vale il secondo posto solitario in classifica e fa incrociare la sempre più sorprendente Vanoli Cremona con l’Umana Reyer Venezia, ultimamente un po’ in affanno. I ricorsi depongono decisamente a favore di Venezia, ma Cremona è carica e consapevole come non mai dell’importanza della posta in palio e delle proprie potenzialità. Formazione al completo per Meo Sacchetti; De Raffaele recupera Stone, ma non Giuri.

I quintetti – Lo starting Vanoli è il tradizionale: Diener, Saunders, Crawford, Aldridge, Mathiang. Venezia si schiera con Haynes, Stone, Bramos, Mazzola, Watt. Partenza vivace, con Diener in palla, ma i compagni a sbagliare parecchio sotto canestro. Dopo 4’30” le squadre non si schiodano dal 6 pari. Entra Tonut e ne fa 5 di fila. Le difese lavorano bene e si segna poco da una parte e dall’altra. Saunders e Daye si ergono a protagonisti, ma il sostanziale equilibrio viene spezzato dalla bomba a fil di sirena di Ruzzier. La prima frazione termina sul 18-15.

2° quarto – Fallo non fischiato a Tonut, tripla di Tonut (20-18); gioco da 3 punti di Watt e Venezia avanti di 1. Crawford, al momento, è il grande assente del match, con un irreale 0/4 dal campo e nessun fallo subito. La potenza fisica di Kennedy sembra dare un plus ai lagunari, ma la Vanoli ha un Saunders che non perde un colpo e a 2′ dalla pausa lunga è avanti di 4. A 25″ dalla sirena Ricci prima stoppa Haynes, poi la mette dai 6,75, per il 37-33. Proprio sulla sirena, però, Stone piazza la bomba del 37-36, specchio fedele dei valori in campo. Cremona tira nel primo tempo col 35% (9/26), molto al di sotto delle proprie possibilità, ma cattura 5 rimbalzi in più degli avversari (21/15). La panchina di Venezia porta in dote 19 punti.

3° quarto – Tripla in apertura di Saunders, a cui risponde Watt con una giocata da 3 punti. Finalmente va a referto Crawford (42-39), ma non c’è tregua: Bramos piazza la bomba del pari. Venezia entra in ritmo e Haynes segna il canestro del +7 (44-51), al termine di un parziale di 9-0, il momento indubbiamente più difficile per la Vanoli. Mathiang e Saunders fermano l’emorragia biancoblu, portandosi a -3 dai lagunari. Bramos è un fattore, ma Stojanovic va a referto con una giocata da 3 punti. La panchina orogranata mostra tutto il suo valore, con Mazzola e Tonut; Cremona non demorde e, con Ruzzier e Mathiang implacabili dalla lunetta, accorcia a -1 (57-58). Il parziale 7-0 dei padroni di casa termina col canestro di Crawford, perfettamente innescato da Ruzzier: 60-58.

4° quarto –  Segna Watt, ma Cremona sporca tutte le palle da lì in poi e, con Ricci e Crawford, impone un 5-0 che costringe De Raffaele al timeout (65-60). Si torna sul parquet e la perfetta circolazione di palla della Vanoli permette a Ricci di piazzarla dall’arco grande: +8 con 5′ da giocare. Mathiang è immarcabile nel pitturato e la Vanoli arriva a +12 (75-63). L’Umana non riesce a trovare contromisure sufficienti a battere la difesa cremonese e, sulla schiacciata in contropiede di Ricci, richiama i suoi uomini a rapporto (77-65). Gli ultimi 90″ sono garbage time. Venezia è travolta dall’energia di Cremona. Il match termina 80-65, un risultato che regala alla Vanoli il secondo posto aritmetico in classifica. Un risultato storico, di un’annata favolosa che, ovviamente, non è ancora finita.

Magic Moment – Il quarto parziale di 20-7 è di quelli che non ammettono repliche. Cremona ha letteralmente tramortito Venezia, con una difesa impenetrabile e una circolazione di palla quasi impeccabile.

Man of the match – Ricci è stato determinante nell’ultimo quarto, nel quale ha piazzato 8 punti, catturato 4 rimbalzi, recuperato una palla e servito un assist, in una prestazione complessiva da 14 punti e 8 rimbalzi. MVP dell’incontro Saunders, autore di 20 punti, 7 rimbalzi, 3 assist e 29 di valutazione.

Numbers – valutazione di squadra 94 Cremona, 53 Venezia. 25 punti dalla panchina biancoblu, 23 da quella degli ospiti. Determinanti i tiri dalla lunetta: la Vanoli ne realizza 27/34, la Reyer 8/12.

Vanoli Cremona – Umana Reyer Venezia 80-65 (18-15, 19-21, 23-22, 20-7)

Cremona: Saunders 20, Sanguinetti ne, Gazzotti ne, Diener 4, Ricci 14, Ruzzier 8, Mathiang 21, Crawford 8, Aldridge 2, Stojanovic 3. Allenatore Sacchetti

Venezia: Haynes 8, Kennedy 5, Stone 3, Bramos 8, Tonut 10, Daye 8, De Nicolao, Jerkovic ne, Biligha, Mazzola 5, Cerella ne, Watt 18. Allenatore De Raffaele

468 ad

Lascia un tuo commento

Translate »
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.