Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Venezia schianta Cremona in Gara5 e vola in finale

Venezia schianta Cremona in Gara5 e vola in finale
Follow and like us:

L’Umana Reyer Venezia vince a mani basse a Cremona 79-69 e sfiderà Sassari in finale scudetto. PalaRadi in fibrillazione per la gara decisiva della serie: Cremona ha perso di 3 punti Gara4, uno dei match più difficilmente inquadrabili degli interi play-off 2018-19. Sacchetti recupera Diener, rimasto in campo solo 4′ al Taliercio; il coach biancoblu conta e spera anche nel pieno recupero di Crawford, MVP della regular season, ma autore di una prestazione quasi imbarazzante, mercoledì scorso. De Raffaele ha tutti i suoi effettivi, compreso quello Stone che è stato un fattore nell’annullare offensivamente Crawford. Prima della palla a due, Giulio Gazzotti è stato premiato per le 100 partite disputate in Serie A in maglia Vanoli.

Quintetti – Starting tradizionale per entrambe le squadre, ovvero Diener, Saunders, Crawford, Aldridge e Mathiang da una parte; Haynes, Stone, Bramos, Mazzola e Watt dall’altra. Inizio spumeggiante di Bramos, deciso a riscattare l’opaca prova al tiro nella gara precedente: suoi 11 dei 13 punti segnati dagli orogranata nei primi 4′ di gioco (3/3 da 3). Il ferro sputa parecchi tiri ai cremonesi, che tuttavia non rinunciano a cercare la via del canestro, anche in avvicinamento. Saunders ne mette 6, cosa che permette a Cremona di limitare il gap a 8 punti (10-18) a 3’20” dalla sirena. Sul 12-20, Sacchetti chiama time out. Daye entra in ritmo e per la Vanoli è notte fonda: il tabellone dice 12-25. Cremona appare quasi pavida, poco convinta dei propri mezzi, sbagliando anche le cose più semplici.

2° quarto – La Vanoli non dà segni di vita e Tonut ne mette 5 di fila. Quando però Mathiang inchioda la schiacciata del 18-30, De Raffaele richiama i suoi in panchina. Vidmar fa sentire tutti i suoi chili nel pitturato avversario e Venezia vola sul +13 (24-37). Gli ultimi 2′ sono un massacro per i biancoblu: Daye, Mazzola e Tonut non sbagliano e il rientro negli spogliatoi sorride alla Reyer, che conduce di 14, 33-47. Facce scure tra i Sacchetti-boys. Note statistiche indicative: 10 perse da Cremona, che tira col 9% da 3 (1/11). 2 punti dalla panchina Vanoli, 29 da quella Umana.

3° quarto – 5-0 Cremona, con Diener e Crawford, ma i lagunari rispondono subito con un break di 9-0 che costringe Sacchetti alla pausa tecnica (38-56). Venezia continua a macinare il suo gioco, impietosamente: a 4′ dalla fine del terzo parziale conduce 42-63 (+21, massimo vantaggio). Mai la Vanoli era apparsa così sfiduciata e priva di incisività. Nel frattempo, il cronometro del PalaRadi ruba la scena per interminabili minuti, scanditi dall’incitamento incessante delle due tifoserie. Si va all’ultima pausa sul 48-67. Cremona appare decisamente fuori dal match: fisicamente e mentalmente. A meno di un fisiologico calo degli orogranata, la sensazione è che il cammino dei biancoblu nei play-off non durerà più degli ulteriori 10′ di gioco.Presentazione Vanoli Cremona in Gara5 contro Venezia

4° quarto – Mini break Vanoli di 6-0 e time out Umana. Il metro arbitrale sembra penalizzare la squadra più in difficoltà, mentre la Reyer rimpingua il vantaggio, costringendo Sacchetti al time out sul 54-72 segnato da Bramos. Segue un 9-0 Vanoli che significa -9 con 3’16” da giocare. Sul 69-79 a 30″ dalla sirena, le squadre rinunciano però a giocare. Passa più che meritatamente la Reyer Venezia, squadra di alto lignaggio, che – alla lunga – ha fatto emergere la sua maggior tenuta mentale, fisica e il livello tecnico individuale nettamente superiore. La Vanoli Cremona è probabilmente andata oltre i propri limiti, facendo sognare i propri tifosi e raccogliendo simpatia da tutta l’Italia del basket. Resta un’annata storica quella del sodalizio presieduto da Aldo Vanoli: una Coppa Italia vinta, miglior piazzamento in regular season di sempre (2° posto), conquista delle semifinali play-off (onorate in cinque gare). La giostra dei play-off torna ora in laguna: lunedì 10 Gara1 di finale contro Sassari.

Magic moment – Al netto di un primo quarto che ha indirizzato l’incontro, il 3° quarto (15-22 il parziale) ha di fatto consegnato la serie a Venezia.

Man of the match – Michael Bramos, letale nel 1° e nel 4° parziale: 22 punti, con 5/9 da 3, 5 rimbalzi e 22 di valutazione (MVP).

Numbers – I 41 punti della panchina orogranata la dicono lunga sulla differenza di potenziale, rispetto alla panchina avversaria (16 pt). Saunders miglior scorer dei suoi (21); Mathiang miglior rimbalzista del match (14)

Vanoli Cremona – Umana Reyer Venezia 69-79 ( 15-25, 21-22, 15-20, 21-12)

Cremona: Saunder 21, Sanguinetti ne, Gazzotti, Diener 10, Ricci 2, Ruzzier 5, Mathiang 3, Crawford 13, ALdridge 6, Stojanovic 9. Allenatore Sacchetti

Venezia: Haynes 1, Stone 1, Bramos 22, Tonut 10, Daye 20, De Nicolao, Vidmar 11, Biligha ne, Giuri ne, Mazzola 5, Cerella, Watt 9. Allenatore De Raffaele

 

468 ad

Lascia un tuo commento

Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.