Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

NCAA – Il caso WISEMAN: sentenza e conseguenze

NCAA – Il caso WISEMAN: sentenza e conseguenze
Follow and like us:

Il caso Wiseman sarà uno degli ultimi colpi di coda per la NCAA.

La vicenda del possibile/probabile futuro N.1 al Draft 2020 arriva dopo le indagini federali che hanno scoperchiato l’ipocrisia del sistema di reclutamento dei migliori liceali; arriva dopo il colpo quasi mortale, se confermato dalla corte cui la NCAA ha fatto ricorso, che lo Stato della California, ammettendo per le Università la possibilità di pagare i giocatori, ha inferto al sistema collegiale. Secondo il NY Times (2/10/19) “potrebbe forzare il rimodellamento di tutto il sistema sportivo NCAA, che, a fronte del fatto di aver creato un business di miliardi di dollari, continua a mantenere il principio del dilettantismo degli atleti”. Infine la NBA stessa si sta muovendo per iniziare a gestire in proprio la costruzione di giovani leve: una rete di “università convenzionate”, una rete di banche convenzionate atte ad elargire borse di studio, un sistema di inserimento nella lega pro fatto di progressi atletici + progressi scolastici + assaggio di professionismo tramite la porta della G-League e il sistema dei two-way contracts.

A tutto questo la NCAA risponde come ci si aspetta da un ormai quasi inutile dinosauro: alzando la soglia dell’ipocrisia e del privilegio e, come spesso accade, sfiorando pericolosamente la sfera della questione razziale. La NCAA è un sistema che ammette l’eccellenza solo quando completamente irregimentata, e l’ultimo ad andare a sbatterci contro è stato Penny Hardaway, ex Stella NBA recentemente diventato coach di Memphis University, la sua alma mater; e di D-Rose, per esempio. Penny non ha allenato un minuto oltre il livello high-school, ma, forte del fatto che la sua carriera NBA luccica davanti agli occhi dei migliori prospetti liceali e li invoglia ad abbracciare la sua causa, ha potuto reclutare tre delle prossime 10 prime scelte del Draft 2020. Ha portato a Memphis U. il più forte di tutti: James Wiseman appunto (centro di 211 x 109 dalla mobilità poetica), poi Precious Achiuwa (nigeriano del Bronx, ala di 206 x 102) e DJ Jeffries (Memphis homey, sf di grande potenza). A peggiorare le cose, per aderire al progetto-Penny tutti questi giocatori hanno ritirato dei precedenti “quasi sì” verso università molto più “upper class” (e molto più bianche) come Kentucky (Wiseman e Jeffries) e Kansas (Achiuwa). Memphis è università black, il cui programma di basket è finito in mano a un ex-giocatore senza significativa esperienza di coaching, capace strappare talenti ad altri atenei solo in ragione del prestigio derivante dalla carriera NBA e dalla black-itude. Roba intollerabile per la NCAA, che non impara dai propri sbagli e non si è mai vergognata della propria ipocrisia, ed infatti si è appellata alla inidoneità a giocare quest’anno del migliore dei tre. Inidoneità derivante da 11500 dollari che Hardaway ha donato, notare: PRIMA di diventare uno stipendiato di Memphis, alla famiglia del ragazzo per traslocare vicino all’ateneo in vista del commitment ai Tigers. La decisione è stata impugnata da Memphis ed infatti Wiseman ha giocato 3 gare (media 20 + 10 con 3 stoppate). Ora però i tribuni NCAA hanno emesso il verdetto: 12 gare di “squalifica” (lo rivedremo dopo Gennaio) e condanna a versare la cifra incriminata in beneficenza. Un capolavoro di ipocrisia, l’ennesimo. La NCAA infatti sente il terreno sempre meno sicuro sotto i piedi, ed ha emesso una sentenza di palese debolezza: non la squalifica di un anno come ai bei tempi in cui la sua potenza era assoluta, ma un vagito che simula la antica sovranità e non fa troppo arrabbiare Memphis, Penny e Wiseman. Che è un giocatore splendido e fa vendere un sacco di magliette e biglietti. Non vale per ogni sport, perché l’organizzazione collegiale è vitale per discipline come l’atletica, il nuoto e tutte quelle che non hanno, negli USA, una forte lega professionistica: però per basket e football (il baseball è da sempre un universo differente e la NHL è già dominata da giocatori stranieri che non passano dal college) il dominio del board NCAA ha davvero le stagioni contate.

468 ad

Lascia un tuo commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Twitter20
Visit Us
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.