Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata 2001 - 2020

NBA FINALS – IL SUCCESSO DI KENTUCKY UNIVERSITY

NBA FINALS – IL SUCCESSO DI KENTUCKY UNIVERSITY
Follow and like us:

Chi segue Baskettiamo da tempo sa che la NCAA non è esattamente la mia passione principale.

Da decenni il gioco scade continuamente e non riesco ad ignorare la patente ipocrisia del sistema, nonché le pratiche criminogene quando non criminali (come da recenti indagini FBI). Tuttavia, alla vigilia di Gara5 delle Finals, e visto che si è parlato molto della concentrazione dei giocatori di Kentucky tra i due roster, ho compilato una depth chart dei giocatori usciti da KU nella storia. A differenza di altri atenei, in cui le Stelle più fulgide sono più concentrate indietro negli anni, per i Wildcats troviamo nomi soprattutto recenti, spesso ancora nel pieno della carriera. Per questo motivo, anche se forse sarebbe stato più giusto attendere conferme superiori ai sei mesi, ho inserito Tyler Herro.

Primo quintetto: Jamal Murray – D.Booker – Jamal Mashburn – A. Davis – K.A.Towns

Secondo quintetto: Rajon Rondo – De’Aaron Fox – T.Herro – Pat Riley – D. Cousins

Terzo quintetto: J.Wall – S.Gilgeous-Alexander – Chris Mills – A.Walker – Dan Issel

Quarto quintetto: E.Bledsoe – R.Mercer – K.Greevey – T. Prince – Bam Adebayo

Di 20 giocatori, solo 4 sono pre-anni ’90: Riley, Greevey, Mercer, Issel; a testimonaire che, pur essendo una università storica, la gloria per quel che riguarda il travaso verso la NBA è soprattutto recente. Volendo individuare un difetto nella produzione Wildcats si potrebbe dire che i capitoli sg e sf non sono al livello degli altri: sia Booker che Fox non sono sg pure e per riempire un buco ho inserito in sf Chris Mills, che in realtà ha doppia cittadinanza Kentucky/Arizona. So bene che sono rimasti fuori Walter McCarthy e Julius Randle, Cliff Hagan e Derek Anderson, ma mi sembra che questi 20 rappresentino bene la potenza dell’ateneo. Come disse John Calipari a proposito del One and Done: “In fin dei conti siamo un’università: gli studenti vengono qui per non per studiare e basta ma per costruire le basi di una bella carriera. Mandiamo nel mondo avvocati e ingegneri quando riteniamo siano pronti per il lavoro, perché non dovrebbe accadere con i giocatori, se dopo un anno sono pronti?”. Le ipocrisie sono evidenti, ma c’è anche un fondo di verità.

468 ad

Lascia un tuo commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Translate »
Gioca a Sottocanestro
Twitter
Visit Us
Follow Me
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.