Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Prosegue l’agonia della VL, passa anche Brindisi

Prosegue l’agonia della VL, passa anche Brindisi
Follow and like us:

La VL ci prova ma dura sempre troppo poco e appena la partita diventa vera crolla inesorabilmente, anche Brindisi passa così facilmente alla Vitrifrigo Arena. Dopo 25’ game over e spazio solo per qualche (neanche eccessiva) contestazione dalle tribune.

La gara

Inizio blando per intensità con la VL che riesce a giocare e trova anche un incoraggiante vantaggio sul 14-5, rintuzzato da Brindisi in poco più di 1’, appena entrati Martin e Sutton per stringere le maglie della difesa. Nel secondo parziale il primo magic moment di Brindisi con le triple di Thompson e la VL in difficoltà offensiva. Nel terzo parziale la grande fiammata con le triple di Pusica e Barford a cui ha risposto colpo su colpo Banks, da lì in avanti la VL si è spenta, con Sacco che ha provato a far rientrare anche Chapman, impresentabile per condizione fisica. Sul finire del terzo parziale applausi per Banks all’uscita del campo. L’ultimo parziale è stato solo garbage time, con la VL che ha mollato mentalmente, e sarà difficile finire la stagione così.

Magic Moment

Due i momenti decisivi del match, all’inizio del secondo e all’inizio del terzo parziale. All’inizio del secondo quarto Thompson ha piazzato le triple (3) del sorpasso e del primo allungo ospite, al rientro dall’intervallo lungo sono stati i 13 punti consecutivi di Banks a dare la spallata decisiva alla partita nel miglior momento offensivo della VL. Da lì in avanti i padroni di casa, come succede ormai quasi tutte le domeniche, si sono definitivamente spenti.

Man of the match

Facile a dirsi, anche in una partita teoricamente facile per Brindisi, Banks ci ha messo del suo. Gran parte dello show tutto in 3’, al rientro dall’intervallo lungo, con Brindisi già avanti (35-45) ma la VL a cercare il rientro. Due canestri dal campo, poi tre triple consecutive a rintuzzare lo scatto d’orgoglio di Pusica. In ogni caso una prestazione complessivamente consistente per il capitano della Happy Casa, autore di 25 punti con 9/14 dal campo e 5 falli subiti.

Numbers

Facile vedere le differenze offensive in una partita finita 77-103, ma forse ancora più evidenti le differenze fisiche, tradotte in un divario a rimbalzo 50-36 per Brindisi, che ha quindi tirato 8 volte in più dal campo. Significativo il +27 di plus/minus per Sutton in 15’ in campo, quando Brindisi ha iniziato a difendere per Pesaro si è spenta la luce. Tutti gli altri numeri non fanno altro che certificare la superiorità ospite che ha generato il divario finale.

 

Carpegna Prosciutto Pesaro – Happy Casa Brindisi 77-103 (18-16;17-29;28-33;14-25)

Pesaro: Barford 7, Drell 2, Mussini 6, Williams 13, Pusica 21, Solari ne, Miaschi 5, Eboua, Chapman, Totè 17, Basso ne, Zanotti 6. All. Sacco

Brindisi: Brown 6, Banks 25, Martin 6, Sutton 3, Serra, Zanelli 9, Gaspardo 16, Campogrande 9, Thompson 19, Cattapan, Stone 6, Ikangi 4. All. Vitucci

468 ad

Lascia un tuo commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Twitter20
Visit Us
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.