Pages Navigation Menu

© Riproduzione riservata

Dal timeout di Dell’Agnello la scossa per la rimonta di Caserta

Dal timeout di Dell’Agnello la scossa per la rimonta di Caserta
Follow and like us:

All’inferno e ritorno: è quanto ha fatto la Juvecaserta che prima ha toccato il fondo e poi, spalle al muro, ha risalito la china fino a piegare la strenua resistenza di Cremona. La compagine lombarda ha tenuto in mano le redini del confronto per 26’ poi, dopo il massimo vantaggio (+18), subisce la reazione rabbiosa prima ancora che tecnica degli avversari. Nonostante l’uppercut di una Caserta capace di piazzare un 25-7 in circa 8’ e poi un altro break di 9-0, Cremona ha la forza dell’ultimo assalto. Gli uomini di Sandro Dell’Agnello vincono con la rabbia, il cuore e la voglia prima ancora che con una difesa asfissiante. La vittoria porta innanzitutto la firma del tecnico livornese, poi di una tifoseria che veste i panni del sesto uomo, quindi Putney su tutti. Johnson-Odom fa pentole e coperchi ma non basta ai lombardi.

La gara

Cremona parte subito forte sparando un 2-8 in faccia agli avversari ma al 5’ si torna in perfetta parità a quota 10. Caserta, tuttavia, continua a fare fatica in attacco affidandosi troppo alle conclusioni dalla lunga distanza così al 9’ gli ospiti si portano, con le triple di Wojciechowki e Johnson-Odom al massimo vantaggio sul 12-20. Dopo oltre 4’ di black out offensivo Caserta ritrova il canestro con Putney che sigla il 14-20 con cui si chiude il primo quarto. La Juvecaserta riparte con più determinazione e in poco più di 2 giri di lancette riagguanta Cremona sul 21-21 con Cinciarini. Ancora una volta la Vanoli riprende a macinare sui due fronti del gioco e con Johnson-Odom si riporta avanti di 6 (21-27), poi dopo un botta e risposta dalla lunga distanza tra Bostic e Wojciechowki la partita vive un momento di stanca. La prima a risvegliarsi è Cremona che piazza un 7-0 che vale il 24-37 del 18’ con Caserta in totale confusione. Un piccolo sussulto finale viene vanificato dal trepunti di Carlino che manda le squadre negli spogliatoi sul 30-42.

Alla ripresa del gioco un tecnico alla panchina di Caserta permette alla Vanoli di portarsi al 31’ sul 30-45. Sosa segna i suoi primi punti quando il tabellone segnala che sono trascorsi 21’12”.  Ma Cremona ha sempre in mano il pallino del gioco e spinta soprattutto da Johnson-Odom arriva fino al 38-56 del 26’. Dell’Agnello su tutte le fuori reagisce in maniera veemente dicendone di tutti i colori alla squadra durante il timeout, con accuse specifiche a Putney che per qualche minuto in panchina sbraita, tenuto a freno dal mestiere del compagno Linton Johnson. Quando si riprende a giocare si vede una Juvecaserta trasformata, punta nell’orgoglio si aggrappa a Diawara e Cinciarini per mangiare punto su punto a Cremona. Al 30’ i bianconeri sono a metà dell’opera sul 46-57. Johnson-Odom prova a tenere a galla i suoi ma ormai Caserta è un fiume in piena con una difesa che alterna zona/match-up/uomo ed aggredisce l’avversario con il Palamaggiò che diventa il sesto uomo sul parquet. Il break di Caserta arriva fino al 35-7 poco dopo il 34’ che vale la parità a quota 63 con Sosa che decide di entrare finalmente in campo. Il solito Johnson-Odom colpisce dalla lunga distanza, ma Sosa replica con la stessa moneta, quindi Putney ne fa 5 ed il libero di Diawara valgono il 72-66 del 36’. Iniziano gli ultimi 2 giri di lancette, Putney colpisce da 3 andando di tabella e sembra possa finire lì. Ma nell’ultimo minuto Johnson-Odom piazza due bombe mentre Putney fa 0/2 dalla lunetta così a 12” dalla fine ci vogliono 2 liberi di Sosa a spingere Caserta sul 77-74. A 7” Turner segna il primo libero, sbaglia il secondo poi Sosa fa scorrere i titoli di coda dalla linea della carità per il 79-75 finale.

Magic Moment

Dal 26’ al 39’, poco più di un quarto di gioco a cavallo del 3° e 4° tempo, Caserta ribalta la gara come un calzino con un parziale di 37-11. Il là arriva dal timeout del «Dell’Agnello furioso» con urla e legni del parquet a rischio. Oltre alla reazione rabbiosa c’è tanta difesa di Caserta a far restare i due punti all’ombra del Palamaggiò.

Man of the match

Per una volta la palma va al coach perché è Sandro Dell’Agnello a segnare la svolta. Poi decisivi per Caserta Putney, Cinciarini e Diawara mentre Sosa mette la firma «giocando» solo dal 33’. Johnson-Odom dimostra di poter recitare un ruolo fondamentale nella lotta per non retrocedere di Cremona.

Numbers

0 – I punti di Sosa nei primi 20’ (12’ sul parquet) con 0/5 e -14 di plus/minus… sciopero bianco? Altro 0 per i liberi realizzati da Caserta su 6 tentativi nel primo quarto di gioco.

12 – I punti sempre di Sosa negli ultimi e decisivi 7’ della partita.

15 – Le palle perse di Cremona pesano perché il saldo finale è -8 contro il -3 degli avversari

11 – Le triple di Caserta con 7 nella ripresa che sono una delle chiavi della rimonta vincente

60 – La deficitaria percentuale ottenuta dalle due squadre nei tiri dalla lunetta (59% Caserta, 62% Cremona).

27 – Il bottino personale di Johnson-Odom che chiude con 10/16 al tiro e 5 triple. Peccato solo per il 2/6 ai liberi e le 5 palle perse.

Pasta Reggia – Vanoli Cremona 79-75 

(14-20, 30-42, 46-57)

Pasta Reggia: Sosa 14, Iavazzi ne, Diawara 13, Cinciarini 15, Ventrone ne, Putney 19, Gaddefors 1, Giuri, Bostic 11, Cefarelli, Watt 6, Johnson. All. Sandro Dell’Agnello

Vanoli Cremona: Johnson-Odom 27, Amato ne, Mian 2, Gaspardo 12, Harris 4, Carlino 4, Boccasavia ne, Wojciechowski 8, Biligha 12, Turner 1, Thomas 5. All. Paolo Lepore

468 ad

Lascia un tuo commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Translate »
Gioca a Sottocanestro
Facebook
Facebook
Twitter20
Visit Us
Instagram
RSS
Follow by Email
YouTube
YouTube
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.